Tu sei qui: Home / Il Comune / Territorio e Storia / Luoghi di interesse / Il restauro del Municipio

Il restauro del Municipio

Municipio leoneAlle soglie del nuovo millennio il Palazzo Municipale appariva nobile e scialbo, rivelando mesto tutti i suoi cent'anni abbondanti. Fondamenta e strutture si erano indebolite, la facciata scrostata, il tetto inumidito. Gli impianti non erano a norma e le barriere architettoniche costellavano l'edificio, rendendolo faticoso a persone diversamente abili ed anziane.

Anche la distribuzione dello spazio non era ottimale: i piani secondo e sottotetto, inutilizzabili, portavano ad una dispersione degli uffici comunali lungo il centro del paese.

Il costo dei lavori di ristrutturazione sfiorava i due milioni di Euro. Assai oneroso, quindi, e colmo di tutte quelle incognite che il recupero di stabili antichi riserva. Ma la volontà  era precisa: restituire ai cittadini argilesi il loro Municipio, con tutta la sua dignità  e una ritrovata funzionalità . 

 I lavori, svolti in stretto contatto con la Soprintendenza, hanno consolidato fondamenta e strutture, ma anche recuperato e valorizzato appieno l'identità  storico-architettonica dell'antico palazzo. Sono stati riproposti i materiali della tradizione, quali i pavimenti in battuto alla veneziana e legno, il recupero delle tinteggiature a calce e degli affreschi originali. Il Leone di gesso e lo Scalone monumentale sono rimasti i primi maggiordomi nell'accoglienza di chi varca il portone d'ingresso.

L'esterno è stato riqualificato con la realizzazione di un nuovo tetto in legno, la tinteggiatura della facciata nei colori tradizionali, il rifacimento dei marciapiedi, il recupero della piccola porta all'inizio di Via Roma e dell'arco di Via Mazzoli.

Impianti, cablaggi e reti sono stati rifatti, e le barriere architettoniche abbattute anche grazie all'introduzione di un ascensore. Infine sono stati destinati ad uffici tutti i piani, sottotetto compreso, superando la precedente dispersione delle sedi, così da offrire ai cittadini spazi più funzionali, passaggi inediti nei meandri del Municipio, scorci sconosciuti della Piazza e del centro storico argilese.