Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Tasse e Tributi / Notizie / Agevolazioni IMU 2021 emergenza covid

Agevolazioni IMU 2021 emergenza covid

Agevolazioni in materia di entrate locali per l'anno 2021 a fronte dell'emergenza covid-19

IMU

A fronte dell’emergenza socio-sanitaria da Covid- 19 la Legge 178/2000 (Legge di Bilancio 2021) ha previsto l’esenzione dal versamento della rata di acconto IMU 2021, limitatamente agli immobili nei quali i soggetti passivi IMU esercitino le seguenti attività e siano anche gestori delle medesime:

- immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;

- immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed and breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi soggetti passivi, come individuati dall’articolo 1, comma 743, della Legge 27 dicembre 2019 n. 160, siano anche gestori delle attività ivi esercitate;

- immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercitanti attività di allestimenti strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;

- immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night club e simili, a condizione che i relativi soggetti passivi, come individuati dall’articolo 1 comma 743 della Legge 27/12/2019 n. 160, siano anche  gestori delle attività ivi esercitate.

 Inoltre, la legge n. 69 del 21 maggio 2021 che ha convertito il D.L. 41/2021 recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Covid19”all’art. 6-sexies, ha introdotto ulteriori esenzioni:

a)      non è dovuta la prima rata Imu da parte dei soggetti titolari di partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che svolgono attività di impresa, arte o professione;

b)      non è dovuta la prima rata Imu da parte di soggetti titolari di reddito agrario, così come definito dall’art. 32 del testo unico delle imposte sui redditi;

c)      non è dovuta la prima rata Imu da parte di soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1 gennaio 2019 (queste partite IVA ai sensi del DL 41/2021 non sono tenute al rispetto delle condizioni di seguito indicate)

 alle seguenti condizioni

  1. che gli immobili siano posseduti da soggetti passivi IMU che siano anche gestori;
  2. che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019;
  3. che i ricavi (di cui all’art. 85 comma 1 lettere a) e b) del testo unico delle imposte sui redditi (DPR 917/86 e smi) o i compensi (di cui art. 54 comma 1 del medesimo testo unico) non siano superiori a 10 milioni di euro nel secondo periodo di imposta antecedente a quello della entrata in vigore del DL 41/2021 (23 marzo 2021).

 Ai fini dell’applicazione delle predette agevolazioni è necessario presentare la dichiarazione IMU 2021 (scadenza 30/06/2022).

 CANONE PATRIMONIALE DI OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO

 Con il D.L. 41/2021 convertito dalla Legge 69/2021 è stato disposto che:

a)      le imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge 25/08/1991 n. 287, titolari di concessioni o autorizzazioni concernenti l’utilizzazione di suolo pubblico, tenuto conto di quanto stabilito dall’articolo 4 comma 3 – quater del DL 30/12/2019 n. 162 convertito con modificazioni, dalla Legge 28/02/2020 n. 8, già esonerate dal 1 maggio 2020 al 31 dicembre 2020 con precedenti disposizioni di Legge, sono esonerate dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 dal pagamento del canone unico di cui all’articolo 1 commi 816 e seguenti della Legge 27/12/2019 n. 160;

b)      i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione temporanea del suolo pubblico per l’esercizio del commercio su aree pubbliche di cui al D.Lgs 31 marzo 1998 n. 114, sono esonerati dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 dal pagamento del canone di cui all’articolo 1, commi 837 e seguenti, della Legge 160/2019.

archiviato sotto: ,

Responsabile 

Cinzia Bovina

casetta-indirizzo  Piazza Gadani, 2 - 40050 Castello d'Argile (BO)

Secondo Piano

 

Telefono  051 68 68 831

 

fax  051 97 60 84

 

Email


Tributi

Telefono  051 68 68 831

       051 68 68 832


fax  051 97 60 84


Email 

Banner IUC 2021

Banner Trasparenza TARI