Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Servizi Istituzionali e Demoanagrafici / Urp / Notizie / Il nuovo digitale terrestre: cosa cambia nella ricezione dei programmi TV
Navigazione

Il nuovo digitale terrestre: cosa cambia nella ricezione dei programmi TV

Come prepararsi alla riorganizzazione delle frequenze in programma il prossimo 20 ottobre

La riorganizzazione delle frequenze, già avviata a livello europeo, prevede anche in Italia la liberazione della Banda 700 MHz e lo spegnimento di alcuni canali: l'obiettivo è ottimizzare l’utilizzo dello spettro delle frequenze anche in funzione delle nuove esigenze di comunicazione digitale.

Questa riorganizzazione, e gli adeguamenti tecnologici del segnale Tv digitale terrestre, avranno alcune possibili ricadute su tutti noi.

Il 20 ottobre 2021 è il giorno stabilito a livello nazionale per un primo switch-off tecnico dei canali tematici della RAI (Rai yoyo, Rai Storia, Rai 5, Rai Scuola, Rai Gulp, Rai Movie ecc.).
Questo significa che da quel giorno i televisori di vecchia generazione, quelli che non ricevono i canali in alta definizione HD, potranno sì continuare a ricevere Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rai News 24, ma non gli altri canali Rai, per i quali sarà necessario avere un televisore o un decoder in alta definizione HD.
Tutti i televisori andranno comunque risintonizzati.

Molti degli apparecchi Tv diffusi nelle nostre case sono già compatibili con l'alta definizione HD, ma in alcuni casi potrà essere necessario sostituire gli apparecchi obsoleti per continuare a guardare alcuni canali. A questo proposito il Governo ha già stanziato le risorse per due forme di sostegno:

  • un bonus rottamazione TV fino a 100 euro disponibile per tutti
  • un bonus destinato alle famiglie con un ISEE di fascia 2
    N.B.: I due bonus sono cumulabili.

ATTENZIONE!
NON abbandonare il tuo vecchio Tv o il decoder obsoleto in maniera abusiva: non conviene all'ambiente (si tratta di rifiuti RAEE e sono altamente inquinanti) e non conviene a te!

Per richiedere il bonus, infatti, bisogna presentarsi dal rivenditore o presso un'isola ecologica autorizzata portando con sé il vecchio tv e l'apposito modulo di dichiarazione sostitutiva scaricabile dal sito del Mise (https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/modulo-rottamazione-tv.pdf):

  • nel primo caso il venditore si occuperà direttamente dello smaltimento dell'apparecchio
  • nel secondo caso verrà rilasciata un'attestazione di avvenuta consegna dell'apparecchio e la relativa documentazione da consegnare al venditore

Approfondimenti e aggiornamenti sul portale tematico del MISE

archiviato sotto: