Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Servizi Istituzionali e Demoanagrafici / Urp / Notizie / Conciliazione vita-lavoro. Graduatorie definitive
Navigazione

Conciliazione vita-lavoro. Graduatorie definitive

Graduatoria definitiva e graduatoria contributi dell'unione Reno Galliera

L’Unione Reno Galliera, in qualità di Ente capofila del Distretto Pianura Est, emana un "Avviso pubblico" per l'assegnazione di contributi alle famiglie che aderiscono al “Progetto conciliazione vita-lavoro” in possesso dei requisiti previsti.

Il “Progetto conciliazione vita-lavoro” (promosso dalla Regione Emilia-Romagna con DGR n. 528 del 19.04.2021, con finanziamento del PON/FSE 2014-20), è finalizzato a sostenere le famiglie che hanno necessità di utilizzare servizi estivi per bambini e ragazzi di età compresa tra i 3 e i 13 anni (nati dal 2008 al 2018), nel periodo di sospensione estiva delle attività scolastiche (giugno/settembre 2021).

Termini per la presentazione delle domande di contributo:
dal 26 Luglio al 31 Agosto 2021



Informazioni: Ufficio di Piano Distretto Pianura Est - tel. 051 8904862 | Settore Educativo e Scolastico - tel. 051 8904803-870

Avviso
DOMANDA ONLINE
Elenco distrettuale soggetti gestori dei centri estivi aderenti al progetto regionale "Conciliazione vita-lavoro" 

Con Determinazione Dirigenziale n. SPER935 del 28.12.2021 dell’Unione Reno Galliera, è stata approvata la graduatoria distrettuale definitiva delle domande ammesse al “Progetto conciliazione vita-lavoro” e delle domande escluse.

Con determinazione n. 947 del 29/12/2021 sono stati riconosciuti i contributi per il Progetto Conciliazione casa lavoro a quelle famiglie la cui domanda è stata ammessa nella graduatoria distrettuale ma non finanziata con i fondi regionaliGraduatoria contributi dell'Unione Reno Galliera.

Si precisa che per quanto riguarda i beneficiari residenti nei Comuni dell'Unione Reno Galliera (Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d'Argile, Galliera, Pieve di cento, San Giorgio di Piano e San Pietro in Casale)  la cui domanda è stata ammessa ma non finanziata, l'Unione provvederà a riconoscere il contributo dovuto con successivo atto impiegando fondi straordinari.