Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Protezione Civile / Notizie / Corona virus / Archivio notizie (Fonte: Governo) / Coronavirus- DPCM in vigore dal 4 al 17 maggio 2020

Coronavirus- DPCM in vigore dal 4 al 17 maggio 2020

Alcune linee guida

Spostamenti
Sono consentiti nel territorio regionale gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare i propri congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie.
 Non è consentito spostarsi tra Regioni se non per motivi di lavoro, assoluta urgenza, o salute. I soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria o febbre (oltre i 37,5) devono rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali; è fatto divieto assoluto di mobilità per i soggetti posti in quarantena.
🏠 Sono consentiti i rientri al proprio domicilio, abitazione o residenza da parte delle persone attualmente bloccate altrove.

Attività all’aperto
 L’accesso a a parchi, ville e giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e con espresso divieto di assembramento.
 Le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse.
 Sono vietate le attività ludiche e ricreative all’aperto.
 Sono consentite le attività motorie e sportive individuali, con il mantenimento di una distanza interpersonale di almeno due metri per le attività sportive e di un metro per tutte le altre attività; per i minori e per le persone non completamente autosufficienti è consentito muoversi con accompagnatore.

Eventi sportivi
Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici e privati.

Spettacoli e luoghi di cultura
Sono sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con la presenza di pubblico, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso o fieristico svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato, feste pubbliche e private, eventi di qualunque tipologia ed entità, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale gioco, sale scommesse, sale bingo e discoteche.

Cerimonie religiose
L’apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro. Sono sospese le cerimonie civili e religiose; sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e comunque fino a un massimo di quindici persone, preferibilmente all’aperto, con obbligo di indossare mascherine e rispettando la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Attività commerciali e ristorazione
Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità

 E’ consentita la ristorazione con consegna a domicilio e/o con asporto con ordinazioni online o telefoniche, ritiro su appuntamento, garanzia della distanza interpersonale di almeno un metro e divieto di assembramento al di fuori dei locali.

Protocolli di sicurezza
Obbligo del rispetto dei protocolli di sicurezza sottoscritti in materia di contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro, nei cantieri e nel settore del trasporto.
 Uso di mascherine nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (compresi i mezzi di trasporto) fatta eccezione per i bambini sotto i 6 anni, i soggetti con disabilità non compatibile con l’uso continuativo delle mascherina e coloro che interagiscono con loro.
 Uso di mascherine negli incontri con i congiunti.
 Distanziamento sociale.

ORDINANZA DEL SINDACO
Il sindaco con apposita ordinanza indicherà alcune prescrizioni particolari sul territorio di Castello d'Argile.